Blauer Hase

©2007

Leggende Metropolitane

Estratto#1
Laboratorio dueunozero - Leggende metropolitane - 1a parte by blauerhase Estratto#2
Laboratorio dueunozero - Leggende metropolitane - 2a parte by blauerhase Estratto#3
alt : http://blauerhase.com/files/media/leggende%20metropolitane%20part3.mp3

Il laboratorio dueunozero ha invitato Blauer Hase a tenere una lezione nell'ambito del laboratorio di Allestimento di Cornelia Lauf del Corso di Progettazione e produzione delle arti visive dell'Università IUAV di Venezia.
Blauer Hase ha risposto ponendo una serie di limiti per la realizzazione di un radiodramma:

deve avere la forma di un radiodramma;

l’intera produzione deve avvenire in 24 ore (ore non scomponibili; ora d’inizio a scelta);

dev’esserci una narrazione;

16 Dicembre 2010:
giorno di riproduzione del radiodramma concluso, riproduzione possibile soltanto in un luogo.
Dovrete scegliere quale luogo;

dev’esserci la radiocronaca di un evento sportivo;

tutti i dialoghi e voci devono provenire da testi di autori esterni al gruppo dei 9;

dovete creare/interpretare voi tutte le musiche originali;

dovete registrare un duello (non coincide con l’evento sportivo);

dovete coinvolgere il laboratorio di Cornelia Lauf (clasAV - IUAV, Venezia) con una lettura collettiva e/o canto corale;

il narratore del radiodramma deve parlare sempre in seconda persona plurale;

all’interno della storia e delle registrazioni dovrà esserci un animale (preferibilmente non domestico);

all’interno del radiodramma dovete ripetere una scena a vostra scelta fino a 5 volte:
una volta come telenovela sudamericana;
una volta come conferenza accademica presso Stanford;
una volta come un noir;
una volta come un porno;
una volta come il capitano Acab (Moby Dick - Melville);

all’interno del radiodramma deve essere presente la voce di ognuno di voi almeno una volta;

dovete registrare alcune situazioni nei seguenti luoghi:
mercato del pesce;
lavanderia;
chiesa;
biblioteca;
spiaggia/battigia;

il radiodramma deve essere diviso in tre parti.
Ad ogni cambio parte devono essere inseriti brevi annunci pubblicitari da voi inventati.
(min 15 secondi per annuncio);

dovete seguire una persona, registrare e utilizzare l’audio del vostro pedinamento.
A voi la scelta sulla durata del pedinamento;

devono esserci 9 personaggi;

i personaggi possono suddividersi tra inventati e/o reali e/o dai noi proposti.
Non devono coincidere con voi stessi;

tracce dei personaggi:

Caspar Friedrich Strauß (Königsberg 13 maggio 1848 - Ludwigsburg, 8 febbraio 1874)
Dal diario di Caspar Friedrich Strauß, sera del 8 febbraio 1874: “Perché, mi son sovente domandato, scegli sì spesso a oggetto di pittura la morte, la caducità, la tomba? È perché, per vivere in eterno, bisogna spesso abbandonarsi alla morte.”

Anton Wilhelm Amo o Anthony William Amo (1703 – ca. 1759)

Marlene Ottey

Ettore Majorana (Catania, 5 agosto 1906 – ?, 27 marzo 1938 ?)
“Il furto, ai giorni nostri, di un componente essenziale per la realizzazione delle bombe all'idrogeno si intreccia con la mysteriosa sparizione del fisico italiano Ettore Majorana, avvenuta nel 1938. I telepati della base di Altrove hanno captato un messaggio che pare provenire dallo stesso Majorana. Il messaggio annuncia una terribile sciagura che soltanto Martin Mystère sarà in grado di scongiurare.”

Prof. James Moriarty
“James Moriarty è un geniale professore di matematica e al contempo un potente signore del crimine. Moriarty viene descritto per bocca di Holmes come un ragno al centro di una tela dai molteplici fili che si diramano in centinaia di biforcazioni dove il suo nome scorre come un flebile sussurro fino a scomparire. Moriarty offre servizi a pagamento o per semplice libidine come omicidi, rapine, sequestri, attentati, traffici illegali, furti di documenti militari ma, mentre i suoi uomini compiono queste efferate azioni, "lui è a miglia di distanza a risolvere qualche problema su una lavagna". Se uno dei suoi uomini viene arrestato, è pronta immediatamente una cauzione e la pena per chi tradisce l'organizzazione o si avvicina troppo alla sua identità è la morte.”

James Douglas Morrison (Melbourne, Florida, 8 dicembre 1943 – Parigi, 3 luglio 1971 ??)
“Trentasette anni fa il leggendario cantante è stato trovato morto nella vasca da bagno del suo appartamento parigino. Le speculazioni su un’eventuale montatura non si sono mai fermate: ufficialmente è morto per collasso cardiaco, ufficiosamente per un’overdose di eroina. Manzarek non la pensa così e ha raccontato la sua teoria al quotidiano britannico: «Jim era un’anima inquieta, era sempre in cerca di qualcosa di diverso nella vita, e anche sei anni di successo e di eccessi con i Doors non erano abbastanza per lui». Un anno prima di morire, Morrison mostrò ai suoi compagni una brochure delle Seychelles e disse: «Non sarebbe un luogo perfetto per fuggire, mentre tutti pensano che sei morto?». Al tempo Manzarek non ci diede molto peso. Quando apprese della morte di Jim si trovava in California. Non prese sul serio la telefonata del manager Bill Siddons, allora come oggi: «La mia prima reazione fu che la morte di Jim era solo un’altra chiacchiera da Rock’n’Roll». Siddons fu spedito a Parigi per scoprire la verità. Troppo tardi, però, perchè Morrison era già stato sepolto da quattro giorni al cimitero parigino di Pere Lachaise. Nessuno ha mai esaminato la salma del
cantante di "Light my fire" e "Riders on the Storm", la bara fu sigillata subito dopo la morte del musicista. «Mi chiedo sempre se la sua morte sia stata una raffinata messa in scena», ha concluso l’ex tastierista.”

The days are bright and filled with pain.
Enclose me in your gentle rain,
The time you ran was too insane,
We'll meet again, we'll meet again.
Oh' tell me where your freedom lies,
The streets are fields that never die,
Deliver me from reasons why
You'd rather cry, I'd rather fly.

Drusilla Tanzi (moglie di Eugenio Montale)
Ascoltare era il solo tuo modo di vedere.
Il conto del telefono s’è ridotto a ben poco.