Blauer Hase

©2007

Rodeo#1 - Hide & Seek

Io li sentivo parlare dietro la porta del pomeriggio
Chiusa a chiave naturalmente dalla mia parte
Si capiva molto poco, quasi niente, ma qualche cosa si intuiva.

“Hesitation”, Paolo Conte.

Hide & Seek is the first exhibition of the project Rodeo.

Blauer Hase asked four artists to produce an artwork that had to be installed behind the four small doors of Palazzo Carminati’s atelier 7.

The rules of Rodeo #1 are:
-The external surface of the doors cannot be modified in any way
-The doors must be locked for the duration of the exhibition
-No solid or liquid material can be introduced in the atelier 7 by the artists, for the duration of the exhibition

Andrea De Stefani presents Flyby (One room, 21 flies, a boy fascinated by non-euclidean geometries): “During an indetermined period of time I will free 21 flies in a locked room. I will observe their trajectories, their movements, their approach to space from a close distance. It will be possible to observe the situation trough the keyhole in the door which defines the space where the events will take place.

Mary Flower places a voice behind a door. It is her voice, that reads – in italian – a description of the room where the viewer is standing. This description runs in loop around the walls of the empty space.

Grégoire Motte and Eléonore Saintagnan’s work has two protagonists, Tabac des Iles and Julie Passion. They leave their hometowns, Lille and Paris, for their first encounter in Venice.

Elisa Strinna: " There were doors all round the hall, but they were all locked; and when Alice had been all the way down one side and up the other, trying every door, she walked sadly down the middle, wondering how she was ever to get out again".
from "Alice's Adventures in Wonderland” Lewis Carroll, 1865.

Hide & Seek is an exhibition that places itself outside, beyond the limit of the display space – which remains empty. The rules make necessary, for the viewer, evidential modalities of experiencing the artworks:
waiting
eavesdropping
smelling
breaching.

--------------------------------------------------------------------------------

Io li sentivo parlare dietro la porta del pomeriggio
Chiusa a chiave naturalmente dalla mia parte
Si capiva molto poco, quasi niente, ma qualche cosa si intuiva.

“Hesitation”, Paolo Conte.

Hide & Seek è il primo appuntamento della rassegna Rodeo.

Blauer Hase ha commissionato a quattro artisti la realizzazione di un’opera che dovesse stare dietro le quattro piccole porte dell’atelier 7 di Palazzo Carminati.

Le regole di Rodeo#1 prevedono che:
-Le porte non possono essere modificate nella loro superficie esterna
-Le porte devono restare chiuse a chiave per la durata dell’esposizione
-Nello spazio dell’atelier 7 non può essere introdotta alcuna materia solida o liquida durante l’orario di apertura dell’esposizione

Andrea De Stefani propone Flyby (Una stanza, 21 mosche, un ragazzo affascinato dalle geometrie non euclidee).
“In un lasso di tempo indeterminato libererò in una stanza chiusa 21 mosche. Osserverò le loro traiettorie, i loro movimenti, il loro approccio allo spazio da distanza ravvicinata. La situazione in opera potrà essere fruita attraverso la serratura della porta che delimita lo spazio nel quale le circostanze avranno luogo.”

Mary Flower pone una voce dietro la porta. Si tratta della sua voce, che legge – in italiano – una descrizione della stanza nel quale lo spettatore si trova ad essere. Tale descrizione corre in loop per i muri dello spazio vuoto.

L'opera di Grégoire Motte ed Eléonore Saintagnan ha due protagonisti, Tabac des Iles e Julie Passion. I due lasciano le loro città natali, Lilla e Parigi, per il loro primo incontro a Venezia.

Elisa Strinna:"l'atrio era un girotondo di porte, ma erano tutte chiuse, e dopo averle passate in rassegna provandone le maniglie una per una, scoraggiata, si mise a camminare avanti e indietro, chiedendosi come diamine avrebbe fatto a uscire di lì."
tratto da "Alice's Adventures in Wonderland" Lewis Carroll, 1865.

Hide & Seek è un’esposizione che si situa fuori, oltre il limite dello spazio espositivo – che rimane vuoto. Le limitazioni imposte rendono necessarie, per lo spettatore, modalità di fruizione di natura indiziaria:
attendere
origliare
fiutare
infrangere.