Blauer Hase

©2007

Rodeo#4 - Playlist Show

Playlist is the fourth event of the project Rodeo.

Blauer Hase asked Alessandra Landi to curate an exhibition in Palazzo Carminati’s atelier 7.

The rules of Rodeo#4 are:

There must be at 4 works by 4 different artists.

The title of the works must be:
1- Brain damage (Pink Floyd)
2- Andavo a 100 all'ora (Gianni Morandi)
3- Pesce veloce del Baltico (Paolo Conte)
4- Darkest dreaming (David Sylvian).

The original tracks cannot be reproduced in the exhibition

Playlist
Curated by Alessandra Landi
Artists: Simone Cortesi, Gabriele Peddes, Alexander Schmalz, Marco Tabilio
Music performance by Eva Wrengaw

What could happen if a "pesce veloce del baltico" in the Canal Grande, with the band Ewa Wrengaw, would declare “I was running at 100 miles an houre while I was thinking about Darkest Dreaming” with Brain Damage in the background, running over four promising cartoonist on a trip to Venice?

Alessandra Landi

--------------------

Playlist Show è il quarto appuntamento della rassegna Rodeo.
Blauer Hase ha commissionato ad Alessandra Landi la curatela e l'organizzazione di una mostra
all'interno dell'atelier 7 di Palazzo Carminati.

La regole di Rodeo#4 prevedono che:
- La mostra dovrà essere composta da quattro lavori, ciascuno di un artista differente.
- I quattro lavori dovranno avere rispettivamente i seguenti titoli:
- Brain damage (Pink Floyd)
- Andavo a 100 all'ora (Gianni Morandi)
- Pesce veloce del Baltico (Paolo Conte)
- Darkest dreaming (David Sylvian)
- Le tracce sonore a cui si riferiscono i titoli cui sopra non potranno essere riprodotte nella mostra
nella loro versione originale.

Playlist Show

Cosa potrebbe capitare se un pesce veloce del baltico sul Canal Grande, in compagnia della band Ewa Wrengaw, dichiarasse “andavo a cento all’ora mentre pensavo a Darkest Dreaming” con in sottofondo Brain Damage, travolgendo quattro promettenti fumettisti in gita a Venezia?

Artisti: Simone Cortesi, Gabriele Peddes, Alexander Schmalz, Marco Tabilio
Performance musicale di Eva Wrengaw
A cura di Alessandra Landi